Sassari: Gherardo Colombo presenta “La sola colpa di essere nati",opera a due mani con Liliana Segre

02/05/2022
Sassari. Il 9 maggio a Sassari, per il festival Éntula, l’ex magistrato Gherardo Colombo presenta il libro “La sola colpa di essere nati”, scritto insieme alla senatrice a vita Liliana Segre. Nel libro i due autori si interrogano sulla profonda differenza che intercorre tra giustizia e legalità e sottolineano la necessità di non voltare mai lo sguardo davanti alle ingiustizie.
Previsti anche due incontri dello scrittore con gli studenti e le studentesse: la mattina del 9 maggio a Selargius e quella del 10 maggio a Sassari.
L’evento
Éntula torna a Sassari lunedì 9 maggio alle 18:00, presso la Camera di Commercio in via Roma 74, dove l’ex magistrato Gherardo Colombo presenterà La sola colpa di essere nati (Garzanti 2021), in dialogo con Gianfranco Strinna.

L’autore incontrerà inoltre studenti e studentesse in due eventi a loro riservati: 9 maggio, ore 11:00, Liceo scientifico Pitagora di Selargius; 10 maggio, ore 11:30,  Auditorium Polo Tecnico Devilla in via Monte Grappa a Sassari con gli Istituti IPIA e IPSA della città.

Il tour è organizzato in collaborazione con la Camera di Commercio di Sassari, l’Associazione Forum del libro, il progetto Futuro Prossimo di Save the Children Italia, il Liceo Scientifico Pitagora di Selargius, gli istituti IPIA E IPSA di Sassari, la libreria Koinè, lo studio Massaiu, Florgarden e Sardex.

In La sola colpa di essere nati, Gherardo Colombo e Liliana Segre ripercorrono drammatici momenti personali e collettivi connessi a una delle più grandi tragedie che abbiano mai colpito l’umanità e si interrogano sulla profonda differenza che intercorre tra giustizia e legalità, sottolineando la necessità di non voltare mai lo sguardo davanti alle ingiustizie, per fare in modo che le pagine più oscure della nostra storia non si ripetano mai più.

Gherardo Colombo a Liliana Segre
: «Per me è molto importante sentirmi sulla tua stessa strada. Perché hai vissuto ciò che io ho solo letto, e perché avendolo vissuto non hai assecondato l'istinto di rispondere all'odio con l'odio».

La scheda del libro
Liliana Segre ha compiuto da poco otto anni quando, nel 1938, con l'emanazione delle leggi razziali, le viene impedito di tornare in classe: alunni e insegnanti di «razza ebraica» sono espulsi dalle scuole statali, e di lì a poco gli ebrei vengono licenziati dalle amministrazioni pubbliche e dalle banche, non possono sposare «ariani», possedere aziende, scrivere sui giornali e subiscono molte altre odiose limitazioni. È l'inizio della più terribile delle tragedie che culminerà nei campi di sterminio e nelle camere a gas. In questo dialogo, Liliana Segre e Gherardo Colombo ripercorrono quei drammatici momenti personali e collettivi, si interrogano sulla profonda differenza che intercorre tra giustizia e legalità e sottolineano la necessità di non voltare mai lo sguardo davanti alle ingiustizie, per fare in modo che le pagine più oscure della nostra storia non si ripetano mai più.

La biografia dell’autore
Gherardo Colombo è un ex magistrato, giurista, saggista e scrittore italiano, attualmente ritiratosi dal servizio, divenuto famoso per aver condotto o contribuito a inchieste celebri quali la scoperta della Loggia P2, il delitto Giorgio Ambrosoli, Mani pulite, i processi Imi-Sir/Lodo Mondadori/Sme. È membro del comitato etico della Fondazione Umberto Veronesi e dell'Advisory Board di Transparency International Italia. È volontario ATS presso il III raggio della Casa Circondariale San Vittore di Milano. È Coordinatore del Comitato per la legalità, la trasparenza e l'efficienza della pubblica amministrazione del Comune di Milano. È presidente o membro di alcuni Organismi di vigilanza. È presidente dell'ente pubblico Cassa delle Ammende. È testimonial dell'Associazione Ancora ONLUS per la cura e il sollievo dei malati e delle loro famiglie. Nel 2016 riceve il Premio Passaggi, assegnato da Passaggi Festival a personalità che si sono distinte per l'attività di saggistica o per la loro figura morale.Ha pubblicato diversi libri nei quali mette la sua esperienza di magistrato al servizio di una divulgazione attenta e scrupolosa dei concetti di democrazia, giustizia e cittadinanza. Fra i più noti, ricordiamo Sulle regole (Feltrinelli 2008), Il vizio della memoria (Feltrinelli, 1998), Sei stato tu? La costituzione attraverso le domande dei bambini (Salani, 2009), Il legno storto della giustizia (Garzanti 2017, con Gustavo Zagrebelsky) e Il perdono responsabile. Perché il carcere non serve a nulla (Ponte alle Grazie, 2011). Democrazia (2011) inaugura la collana di Bollati Boringhieri I sampietrini. È coautore con Licia di Blasi e Anna Sarfatti di Sono stato io! (Salani, 2016). Nel 2021 ha scritto con Liliana Segre La sola colpa di essere nati (Garzanti).

Il programma generale del festival Éntula 2022


Il festival Éntula 2022 è appena cominciato; l’evento con Gherardo Colombo è stato preceduto da incontri con Antonio Pascale, Simona Baldelli, Cristian Mannu e Igiaba Scego e seguiranno 8 mesi di presentazioni e incontri con autori sardi e italiani nei piccoli e grandi centri della Sardegna, dove la comunità di Lìberos, composta da lettori e lettrici, biblioteche, librerie, associazioni, scrittori e scrittrici potrà ritrovarsi.

Questi i nomi già confermati di questa decima edizione: Roberta Balestrucci, Giuliana Sgrena, Andrea Franzoso, Luca Telese, Piergiorgio Pulixi, Chiara Valerio, Dacia Maraini, Roberto Cotroneo, Tommaso Avati, Daria Bignardi, Dario Vergassola, Francesco Guglieri, Giancarlo Biffi, Marco Magnone, Cristina Caboni, Giorgio Fontana, Fabio Geda.

Diverse le tematiche importanti per la nostra società che, mano a mano, verranno affrontate: divario di genere, ambiente, inclusione, giustizia sociale, legalità, memoria storica, relazioni familiari, sport.

Come ogni anno, il programma di Éntula, festival diffuso e permanente, è in continuo aggiornamento (gli eventi vengono inseriti qui).

Il festival Éntula è organizzato dall'associazione culturale Lìberos con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna - Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport e della Fondazione di Sardegna. Media Partner Sardinia Post.
 
Breve storia dell’associazione organizzatrice Lìberos

In Sardegna la lettura è un elemento di comunità e le energie e le competenze che si muovono intorno al libro sono fonte di coesione sociale, ricchezza economica e consapevolezza civica: Lìberos, associazione culturale non-profit,  nasce nel 2012 da queste energie e si costituisce in forma organizzata per evidenziarle, proteggerle e promuoverle.
Lìberos è una comunità di lettori e lettrici che si incontrano online ma soprattutto nelle piazze, le librerie, le biblioteche; nei grandi centri e in quelli piccoli o isolati della Sardegna.
È un laboratorio permanente di progettazione culturale che sostiene e qualifica con le sue competenze quelle comunità che credono nella lettura come fattore di crescita individuale e sociale.
È un modello culturale che spinge le persone a ragionare al plurale, abbattendo le barriere tra profit e no profit e tra centro e periferia, insegnando a immaginare la propria azione culturale in maniera organica al territorio e integrata alle altre presenze.
L’associazione ha vinto la prima edizione del premio CheFare come miglior progetto culturale ad alto impatto sociale ed economico.

© Riproduzione non consentita senza l'autorizzazione della redazione
Angolo della critica

"Racconti erranti" presenta "Gli statuti sassaresi: la legge del vivere in Comune"

Ritorna il progetto di storytelling "Racconti erranti" con un immersione nelle atmosfere della Sassari medioevali" dal titolo "Gli statuti sassaresi: la legge del vivere in comune",24-25-26 novembre  piazza della Frumentaria

"Il domatore di leoni" ultimo libro di Cammilla Lackberg

Il nono capitolo della fortunata serie poliziesca svedese che ha come protagonisti Patrik Hedstrom ed Erika Falk

Michela Murgia (foto: SassariNotizie.com)

Michela Murgia "Accabadora" a Praga

Presentato dalla scrittice all'Istituto Italiano di Cultura a Praga il libro "Accabadora" nella sua traduzione ceca